Procida

Partendo dalla Corricella e percorrendo l’isola in senso antiorario si passa sotto la Terra Murata, alla punta dei Monaci con la grotta del Bue Marino e continuando costeggiando lo strapiombo tufaceo si raggiunge la spiaggia dell’Asino sotto il Palazzo Reale. Doppiata la punta del Crocifisso con lo scoglio dello Schiavone si passa davanti alla marina del Sancio Cattolico e si tocca il Faro all’estremità occidentale della baia. Si costeggia adesso la parte nord-occidentale dell’isola con la costa bellissima a picco sul mare. Dopo la punta del Fiumicello e quella di Capo Bove si entra nella baia del Pozzovecchio con il Cimitero soprastante. Tenendosi al largo, a causa degli scogli affioranti si costeggia il versante che guarda l’isola di Ischia, con la spiaggia del Ciraccio e della Chiaiolella. Passati sotto il ponte di Vivara si doppia la penisola si S. Margherita e si risale lungo il versante orientale. Le punte di Solchiaro prima e quella di Pizzaco poi, scandiscono lo spazio marino di questo lato dell’isola con numerose discese a mare. Dopo la punta di Pizzaco si torna nella baia della Corricella.


Vivara e ProcidaProcida, un'isola di circa 4 chilometri quadrati, situata a mezza strada fra la punta dei Campi Flegrei e Ischia, è, tra le isole che fanno da stupenda corona al Golfo di Napoli, quella che ha conservato un'intatta genuina bellezza, una na tura incontaminata, una semplicità di vita gelosa custode di antiche tradizioni. E' un piccolo scrigno, bordato da un mare limpido e splendente, che, in un clima perennemente mite, racchiude un verde intenso, antichi colori, un susseguirsi di visioni di primitiva selvaggia bellezza.
Procida è raggiungibile da Napoli e Pozzuoli con frequenti corse di traghetti e di aliscafi.
Procida è gelosa custode di antiche tradizioni che hanno per sfondo il mare con le sue magiche suggestioni, ma anche con le sue insidie; con la bellezza pagana dei suoi riti marini e con l'ansiosa attesa delle donne dei marinai, descritte da Lamartine nel romanzo "Graziella".
Le donne procidane conservano splendidi preziosi costumi, a foggia di tunica greca, dai vivaci colori ornati da ricami in oro, che usano indossare in alcune feste tradizionali. Antichi costumi tramandati di generazione in generazione sono degli autentici pezzi da museo.
La vita a contatto della natura infonde nei procidani un senso di profonda religiosità che si esprime anche in feste legate a secolari tradizioni piene di folclore, in particolare nella famosissima "Processione del Venerdi Santo", dove l'intesa spiritualità si unisce alla ricca fantasia nella presentazione dei "misteri" ed alla fantasmagoria dei colori dei parametri delle varie congreghe.
I 14 chilometri di costa sono tutti un suggestivo scenario di punte, insenature e villaggi di pescatori; dalle spiagge di Ciraccio e Ciracciello, a Punta Serra, al Cottimo, a Marina Grande, a Punta dei Monaci, al Porticciuolo della Corricella con la spiaggia di Chiaia, a Punta Solchiaro si arriva infine alla Chiaiolella, porticciuolo naturale dove motoscafi e mezzi da diporto si affiancano a pescherecci.
La Chiaiolella è fronteggiata dall'isolotto di Vivara. Vivara è stata dichiarata intoccabile a guisa di "parco" del golfo ed è il paradiso dei volatili.
I procidani vivono in simbiosi con il mare: sono marinai per eccellenza che solcano tutti i mari del mondo o sono dediti alla pesca.
Il pesce fresco delle mense procidane trova completamento particolare nello squisito "limone" di Procida, eccezionale per sapore e succosità, e nel bianco vinello locale.
L'amore per il mare ha portato allo sviluppo delle scuole nautiche ed ha dato vita alla tradizione della modellistica navale, con preziosi esemplari organicamente raccolti e classificati.
Interessanti sono anche gli ex-voto conservati nelle varie chiese, rappresentanti scene di avventure corse sul mare e di miracolosi salvataggi.
La lunga attesa delle donne dei marinai ha sviluppato, oltre alla tradizione del tipico costume, l'arte del ricamo di cui si conservano splendidi esemplari.

 

ischia info


Portale telematico per la Promozione del Turismo sull'Isola d'Ischia con la finalità di promuovere la conoscenza dei luoghi, delle attrattive e dei servizi correlati al Turismo di Ischia.